CORNIOLO

CORNIOLO

Foto frutti cornioli

CORNIOLO

8,00

Esaurito

8,00

Availability: Non disponibile Categoria:

Descrizione

Caratteristiche: Il Corniolo è un alberello alto da 2 a 6 metri (raramente 8), con la vecchia scorza grigio giallastra che si stacca in piccole scaglie soprattutto alla base del fusto. I rami invece presentano una corteccia color rosso – bruna. Le foglie, di colore verde lucente e lisce nella pagina superiore, sono più chiare e pelose nella pagina inferiore, sono lunghe da 4 a 10 cm, opposte, picciolate, di forma ovale ed ellettiche acuminate in cima, decidue, con nervature convergenti verso la punta. I fiori precedono la fogliazione, sono molto piccoli e raggiungono le dimensioni di 4 – 5mm. I frutti del Corniolo sono drupe delle dimensioni di un’oliva, presentano colore rosso vivo e diventano piu’ scuri a maturazione

Epoca di fioritura: III° decade di Marzo

Epoca di raccolta: II° decade di Settembre

Utilizzo del frutto: Trasformazione (olio da ardere, bevande, liquori, dolci, gelatine, salse, marmellate oppure conservazione sotto alcool o in salamoia), consumo fresco

Editore: Libero da vincoli

Formato disponibile

La pianta Cornioli è disponibile nel formato:

  • Pianta di 2 anni a radice nuda
  • Pianta in vaso

Le piante a radice nuda sono le piante acquistate dagli agricoltori professionisti perché hanno una ramificazione meglio strutturata che permette di ottenere la struttura di allevamento scelta dall’agricoltore

Il corniolo fruttifica a partire dal terzo anno di età

Noi dei Vivai Dalmonte abbiamo scelto di proporre al grande pubblico le piante a radice nuda perché:

  • la nostra missione è avvicinare tutti al mondo della frutticultura professionale diffondendo il nostro sapere acquisito in oltre 100 anni di lavoro
  • Hanno un prezzo competitivo rispetto alle piante in vaso e minori costi di trasporto
  • La pianta sopporta meglio il trapianto.

Caratteristiche del corniolo

Il corniolo è una pianta molto rustica che non ha bisogno di tante cure. Una vecchia leggenda vuole che il legno delle piante di corniolo sia stato utilizzato per costruire il cavallo di Troia. Il suo legno è fam infatti famoso per la sua durezza e resistenza.

L’albero cresce dai dai due ai sei metri (eccezionalmente fino a 8 m). Questa pianta cresce spontaneamente nei boschi e in collina in tutta Europa. Per ottenere un raccolto abbondande e di qualità si consigliano solo alcune annaffiature contro la calura estiva e nel periodo in cui si formano i frutti.

Il corniolo è molto apprezzato anche per il suo valore ornamentale data la bella forma della chioma e la sua imponente fioritura gialla. Questi iniziano a ingrossarsi nel mese di febbraio e sbocciano a marzo, per durare fino ad aprile. La pianta di cornioli predilige un’ ottima esposizione al sole per favorire un migliore sviluppo della chioma e una migliore qualità dei frutti.

Questa pianta predilige terreni calcarei non troppo ricchi di sostanze, ma piuttosto sassosi e aridi. E’ comunque in grando di crescere praticamente in tutta italia, anche se non si riscontra la sua crescita spontanea di questa pianta nelle isole.

 

Clima adatto al corniolo

Il corniolo è una pianta molto versatile perché riesce a crescere in quasi tutti i climi anche se non perfettamente esposto in piena luce. Non ha particolari esigenze sul tipo di terreno bisogna pero assicurarsi di evitare i ristagni idrici (troppa acqua a contatto con le radici). E’ buona innaffiare il corniolo durante il primo anno di messa a dimora per favorire l’attecchimento delle radici

Il trapianto è da eseguirsi preferibilmente tra ottobre e aprile.

Coltivazione in vaso

Se si decide di coltivare il corniolo in vaso bisogna rinvasare subito la pianta in un contenitore di almeno 50-60 cm di diametro. Se non si avesse tempo per eseguire subito questa operazione è possibile posticiparla di qualche giorno purché si tenga la pianta al fresco e al riparo dal sole.

Prima di trasferire il vostro corniolo nella sua nuova dimora vi consigliamo di mettere sul fondo del nuovo e più ampio vaso uno strato di argilla espansa di circa 2-3 cm. Questo permetterà di evitare il rischio di ristagni idrici.

Una volta eseguita questa operazione, il vaso va poi riempito con del terriccio dopodiché serra sufficiente scavare un buco al centro del nuovo vaso che contenga comodamente l’intero apparato radicale.

Fatto ciò bisogna ricoprire tutto con ulteriore terriccio avendo cura di lasciare la pianta alla stessa altezza di quando era nel vaso precedente (quello più piccolo). L’ ultimo passo consiste nell’innaffiare abbondantemente la vostra nuova pianta di cornioli per fare in modo che il terreno si stabilizzi attecchendo alle radici.


Coltivazione in campo

Il corniolio si pianta in campo con una distanza abbastanza ampia inquanto il corniolo si sviluppa molto in larghezza. Si consiglia di mantenere un sesto d’impianto ampio, con al meno 5 metri tra un albero e l’altro.

Per la piantumazione bisogna fare una buca profonda almeno 60 cm e larga 80-100 avendo cura di eliminare le radici delle altre piante. Infondo alla buca è consigliabile aggiungere un po di terriccio (circa 1/3 terra franca e 2/3 di terriccio professionale). Si può anche aggiungere una palata circa di letame ben maturo.

Prima di sistemare la tua nuova pianta nella nuova dimora si consiglia di immergere qualche minuto le radici in un secchio d’acqua mista terra in modo da idratarle. Si consiglia poi di allentare un po’ le radici assicurandosi che siano ben distribuite e avendo cura di non romperle. In questo modo possano svilupparsi più facilmente.

Il corniolo va’ piantato con il colletto al livello del suolo (il colletto corrisponde alla zona del tronco che emerge al di sopra della zolla di terra). Una volta posizionata la pianta bisogna comprimere la terra al piede dell’arbusto formando una conca e innaffiare il terreno abbondantemente (10/15 litri d’acqua) in modo da assicurare una buona coesione tra la zolla dell’arbusto e la terra.

Potatura

Il corniolo ha bisogno di pochissimi interventi di potatura. Sarà sufficente dei polloni, anche per evitare che la coltura diventi invasiva.

Uso dei frutti

I frutti del corniolo sono eccellenti per il consumo fresco ma anche per produrre bevande, liquori, dolci, gelatine, salse, marmellate e in ricette gastronomiche. Si conservano sotto alcol (come le ciliegie) e in salamoia (come le olive).

Inoltre questa pianta è usata a fini medicamentali per l’azione tonico-astringente dei frutti. E’ consigliata contro enterite, nella cura delle malattie della pelle, dei dolori articolari e dei disturbi del metabolismo.
Radici, corteccia e germogli venivano impiegati per curare la febbre con azione analoga al legno di china.
In cosmesi la polpa viene usata come astringente per pelli grasse o seborroiche.
Il legno si presta per realizzare oggetti di tornitura.
Come pianta ornamentale in parchi e giardini, per le foglie brillanti e la miriade di fiori gialli a schiusura molto precoce. I frutti sono molto ricercati dalla fauna selvatica.

 

Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello: